ACQUE SEMPRE PIU’ BASSE PER I LAGHI DEL PARCO D’ABRUZZO, SCANNO IL CASO PIU’ ALLARMANTE

Perde sempre più quota il livello delle acque dei più importanti laghi dell’area del Parco nazionale d’Abruzzo: il lago di Scanno, il lago di S.Domenico di Villalago e il lago di Barrea. Le preoccupazioni maggiori riguardano la situazione del livello dell’acqua del lago di Scanno, mai arrivato a quote tanto basse come quelle attuali in questi ultimi anni. E’ naturale che a provocare l’abbassamento sensibile del livello delle acque è l’assenza di precipitazioni nel corso degli ultimi mesi, un deficit che non è colmato dalle piogge cadute anche in questi ultimi giorni. I dati più recenti indicano che il livello del lago si sta abbassando vistosamente, con un calo che ha raggiunto già i quattro metri e in alcune zone la situazione critica comincia ad essere ancora più grave. Addirittura nello specchio d’acqua antistante il piccolo santuario dell’Annunziata, l’area detta della Madonna del Lago, l’acqua è praticamente scomparsa. La preoccupazione è stata manifestata in questi giorni anche da studiosi e  ambientalisti. Secondo gli esperti infatti questa situazione critica rischia addirittura di pregiudicare la conservazione del bacino. “In sostanza – spiegano – l’abbassamento del livello dell’acqua può provocare l’impoverimento della percentuale di ossigeno disciolto nell’acqua, con possibili ripercussioni, anche di entità grave, sulla fauna ittica e sulla flora presente al suo interno”. Sempre secondo alcuni studiosi non sarebbe la sola assenza di pioggia a provocare danni. Infatti queste fasi di siccità sarebbero da collegare anche alle scosse di terremoto che già da tempo colpiscono l’area. Ma occorre ancora attendere per un’analisi compiuta delle cause della siccità, prima di esprimere valutazioni complessive e di piena attendibilità, per capire a fondo se la correlazione tra sisma e siccità può essere fondata.

fotoservizio Angelo D’Aloisio

LAGO DI S.DOMENICO VILLALAGO

Lago di BARREA

LAGO DI SCANNO