RAVE PARTY ABUSIVO A RAIANO, I CARABINIERI DENUNCIANO 300 PERSONE

Si è chiuso con oltre 300 denunce il rave party che per due giorni ha animato il nucleo industriale di Raiano. Le centinaia di controlli effettuati dai carabinieri all’uscita dell’ex stabilimento Saba ceramiche occupato abusivamente per l’occasione da giovani provenienti da ogni parte d’Italia per incontrarsi e stare insieme a ritmo di musica “Techno”, si sono tramutate in altrettante denunce a piede libero in cui i carabinieri hanno contestato l’invasione abusiva di stabilimento e violazione delle norme in misura di sicurezza diventate più restrittive dopo i fatti di Torino. Qualche residente di Raiano, ma anche degli altri paesi della Valle Peligna si è lamentato del fatto che le forze dell’ordine non siano intervenute per bloccare il “raduno” in cui giravano alcol e droga in grande quantità. Una scelta precisa indicata dai vertici della questura per evitare possibili reazioni violente da parte degli occupanti che avrebbero potuto aggravare ulteriormente la situazione.