“SULMONA CITTA’ SICURA”, PROGETTO PUNTA A EDIFICI SICURI E RILANCIO CENTRO STORICO

Per il progetto “Sulmona città sicura” è imminente la convenzione con il Comune e il prossimo 2 novembre il progetto sarà presentato anche al capo del Dipartimento “Casa Italia” costituito dal luglio scorso nella Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sono queste le tappe attraverso le quali procede il lavoro dei professionisti sulmonesi uniti nell’associazione “Tecnici per Sulmona città sicura”.  Un’associazione al momento unica in Italia, come unica è l’iniziativa intrapresa da tecnici di diverse professionalità. Da febbraio scorso ingegneri, architetti, geometri, geologi e avvocati si sono messi insieme per un censimento dei fabbricati della città in relazione alla loro vulnerabilità sismica. “Il nostro è un progetto che mira alla prevenzione del rischio sismico anzitutto – ha spiegato l’architetto Maria Grazia Del Cimmuto – ma è un progetto che vuole sollecitare anche un ripensamento complessivo della città”. Soprattutto attraverso una tutela attiva della città il gruppo di professionisti mira alla rivitalizzazione ed al rilancio del centro storico, “come centro di vita e di relazioni civili, sociali ed economiche”. La città è stata divisa in 195 aggregati di edifici per operare una sorta di “radiografia” dell’edilizia. All’interno di ogni aggregato saranno poi studiati i singoli edifici. Per il momento sono stati raccolti ed esaminati dati riguardanti primi aggregati nelle vicinanze di piazza XX Settembre. “La valutazione della vulnerabilità sismica e la messa in sicurezza degli edifici è condizione basilare per la salvaguardia della vita umana e per il futuro della città tutta” hanno scritto i professionisti in un loro documento.