GAZEBO PER LA GIORNATA CONTRO IL DOLORE IN PIAZZA XX SETTEMBRE

Anche a Sulmona questa mattina, in piazza XX Settembre, la Fondazione Isal è stata presente con un suo gazebo in occasione di “Cento Città contro il Dolore”, manifestazione giunta alla IX Edizione coinvolgendo medici, ricercatori, volontari e cittadini per promuovere l’informazione, la ricerca e l’attenzione sul Dolore Cronico in più di centocinquanta città e strutture sanitarie italiane ed estere.  Con il patrocinio di Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Ministero Affari Esteri, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero della Salute, AGENAS, ANCI, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Federsanità, FIMMG, e con il patrocinio delle società scientifiche internazionali PAE (Pain Alliance Europe), MEP Interest Group on Brain, Mind and Pain e EFIC (European Federation of IASP Chapters), Cento città contro il dolore si riconferma un evento di grande rilevanza scientifica, sociale e umanitaria. “Anche Sulmona e l’area peligna hanno dimostrato grande sensibilità per questa nostra iniziativa e battaglia – afferma Gianvincenzo D’Andrea, medico, già primario di anestesia nell’ospedale dell’Annunziata di Sulmona e vice presidente della Fondazione Isal –  in dono a chi dona una sua offerta per la fondazione, noi distribuiamo noci. Con questo simbolo intendiamo dire che vogliamo e possiamo schiacciare il dolore, attraverso terapie non sempre conosciute e per questo sosteniamo una campagna d’informazione e sensibilizzazione della cittadinanza”. Attualmente i pazienti di dolore cronico in Italia sono circa quattro milioni. “Il dolore cronico non è condanna e fatto irreversibile – precisa D’Andrea – oggi infatti la medicina riesce a lenire le sofferenze di tanti pazienti, fino a toccare la soglia del 90% dei casi di dolore cronico che vengono curati”. Accanto al dottor D’Andrea questa mattina anche Maria De Angelis, già medico anestesista dell’ospedale di Sulmona e il ricercatore Vanni Caruso. Per le sue spiccate qualità professionali ha raggiunto in breve tempo il successo avendo ottenuto la cattedra di farmacologia nella Facolta’ di Farmacia ad Hobart ( Australia ). Il suo campo di ricerca è dedicato allo studio dei meccanismi di sviluppo del sistema nervoso, in particolare quello legato al dolore.