UN DOCUFILM AL “PACIFICO” SUL PRESEPE DI ENZO MOSCA CON RACCOLTA FONDI PER PRESERVARE OPERE D’ARTE

Un film documentario in omaggio a Enzo Mosca artigiano e artista ancora in attività che, a cavallo tra gli anni ‘70 e ‘80, con passione e capacità apicolari curò la realizzazione in legno della Natività di Cristo e dei principali monumenti di Sulmona e L’Aquila. Il docufilm “Con queste mie mani – Le opere lignee e il presepe…” sarà proiettato  Martedì 27 dicembre, alle  18 nel Cinema Pacifico di Sulmona. Un’iniziativa, inserita nel cartellone natalizio del comune di Sulmona, ideata e coordinata da Giancarlo Colaprete, già vice dirigente dell’Ufficio Cultura del comune peligno con l’intento di raccogliere fondi per la preservazione di queste vere e proprie sculture d’arte (diversi, infatti, sono stati gli atti vandalici scoperti). Il film offre un’ intervista di Antonio Pantaleo, storico sulmonese, che maieuticamente “carpisce” dall’Autore notizie e riferimenti così interessanti da far acquistare al docufilm caratteristiche e valore di racconto storico. Ciò ben aldilà della pur accattivante ricostruzione delle tecniche realizzative, possibili solo grazie ad approfondite conoscenze dei materiali e degli strumenti utilizzati  per conseguire il risultato, cosicché Enzo Mosca diviene autorevole testimone del suo tempo e di quello presente a beneficio delle generazioni future.

La produzione del DVD, che sarà possibile acquistare durante la serata a scopo benefico è stata curata dall’Associazione Culturale Premio Augusto Daolio Città di Sulmona. La regia è di Donato Tulliani, le musiche di Antonio Febrér Scarpetti. Questo lavoro, dunque, vede affiancarsi le Associazioni culturali Premio Augusto Daolio e Nomadi Fans Club “Un giorno insieme” di Sulmona in iniziative di grande valore letterario e documentaristico per l’Abruzzo, considerato che al pregevole volume sulla vita del cantautore Tony Del Monaco (“Un artista in punta di piedi”) si aggiunge ora questo doveroso e mai pensato omaggio alla figura di Enzo Mosca. Alla proiezione seguiranno interventi in sala di storici dell’arte, docenti universitari, dirigenti scolastici, esperti ed autorità politiche. L’ingresso è libero.Per informazioni si può contattare il 389 9737620 oppure scrivere a [email protected]