ALLARME AMBIENTE, DISCARICHE ABUSIVE E PERICOLOSE INFESTANO IL TERRITORIO COMUNALE

Occorreranno quasi tre milioni di euro, per la precisione 2 milioni e ottocentomila euro, per bonificare il territorio comunale da discariche abusive, fonte di inquinamento a danno dell’ambiente e della salute dei cittadini. La stima è stata elaborata dagli uffici comunali e resa nota dall’assessore Alessandra Vella, che ha terminato in questi giorni una ricognizione dello stato delle discariche esistenti. Le casse comunali però dispongono solo di 180 mila euro da impegnare per la bonifica delle discariche e con questa somma, esigua rispetto alle necessità, sarà possibile intervenire almeno per i casi più urgenti. Il primato di questa situazione di violazione delle leggi a tutela dell’ambiente spetta alla discarica di S.Lucia. Caso sul quale la Procura della Repubblica ha aperto un nuovo fascicolo. Una storia lunga oltre dieci anni. Caso grave anche quello dei rifiuti accumulati nell’area del Mantovano. Altre discariche sorgono in via del Sorbo, nella zona di Ponte dei Canali e nella frazione di S.Rufina, a poca distanza dalla stazione ferroviaria. Un panorama allarmante di violazioni alle leggi di tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini che richiede interventi tempestivi e adeguati. In terra di parchi e riserve naturali, cuore dell’Abruzzo regione verde d’Europa, la presenza di cumuli di rifiuti in discariche abusive è contraddizione stridente e inaccettabile.