AVVISTATO L’ORSO IN VIA DELL’ARABONA E VICINO AL CONFETTIFICIO

L’orso torna a fare visita alla periferia di Sulmona spingendosi fino alle porte di Introdacqua. Due i pollai visitati dall’orso per due giorni di seguito, facendo strage di galline. La prima incursione è stata quella nella notte tra lunedì e martedì scorsi in via Torta, nel pollaio dell’allevatore Concezio Del Monaco, dove il plantigrado ha banchettato divorando una decina di papere e lasciandone vive solo alcune. La notte successiva l’orso si è spinto fino a viale Europa, a poche centinaia di metri dal centro abitato di Sulmona, nella zona del confettificio Pelino. In entrambi i casi sono intervenuti gli uomini del Corpo Forestale che hanno provveduto a fare prelievi dei peli dell’orso e dei suoi escrementi per arrivare a riconoscere l’esatta identità del plantigrado. Sul posto anche i responsabili dell’associazione “Dalla parte dell’orso” che si sono mobilitati da giorni, in questo periodo particolare in cui l’animale prima del letargo è in stato di iperfagia, in sostanza fa rifornimento di cibo in vista del lungo inverno. Per questo l’orso, in questi giorni, a causa della particolare voracità può anche raddoppiare il suo peso normale. L’associazione presieduta da Filippo Carassai sta distribuendo le reti elettrificate a protezione dei pollai come deterrente alle incursioni del plantigrado che secondo il Corpo Forestale e la stessa associazione saranno molto frequenti in questo periodo che precede il letargo dell’animale. Preoccupati della presenza dell’orso gli allevatori della zona che hanno chiesto l’intervento del Parco nazionale della Maiella, a tutela dei loro allevamenti. Da sola infatti l’associazione non può far fronte alle numerose richieste di protezioni elettrificate che arrivano dall’intera zona interessata, che abbraccia i comuni di Pettorano. Sulmona e Introdacqua.

img_9850

img_9851

img_9852

img_9853