VILLALAGO RIEVOCA IL MATRIMONIO D’EPOCA, IN CORTEO COPPIE DA TUTTO IL CENTRO ABRUZZO

Tutto pronto a Villalago per la XIII^ edizione della “ Rievocazione del matrimonio d’epoca con i costumi antichi di Villalago e dei borghi piu’ bell’Italia”. Ad animare la rievocazione saranno ben venticinque coppie provenienti dai paesi di tutto il Centro Abruzzo. L’appuntamento con la tradizione è fissato per il pomeriggio di sabato, 13 agosto, alle 18. La rievocazione del matrimonio di un tempo è una delle manifestazioni più attese dell’estate nel Centro Abruzzo che ,insieme ad altre, riesce ad esaltare al meglio l’identità e la cultura del territorio e che ogni anno richiama migliaia di turisti, curiosi, appassionati di tradizioni popolari. In un passato, vissuto solo dai più anziani, il matrimonio di due giovani rappresentava per il paese un giorno di festa collettiva, non solo per parenti e amici invitati. Il corteo nuziale attraversava le strade del centro storico tra due ali di folla festanti per quella giornata che suggellava la nascita di una nuova famiglia e che aveva inizio con l’arrivo dei parenti dello sposo in casa della sposa, il taglio del nastro, il corteo e la celebrazione nuziale. Poi il rito dei balli popolari da “ quello indissolubile” a quello collettivo, poi il banchetto con le immancabili poesie dialettali dedicate alla coppia, poi musiche e danze che si protraevano fino alla tarda serata. Alla mezzanotte i novelli sposi si ritiravano nella loro dimora e anche in questo caso si rinnovavano tradizioni e riti come l’incontro della sposa con la mamma dello sposo. E subito riprendevano di nuovo musiche,rinfreschi e l’atteso saluto tradizionale degli sposi dal balcone della loro camera da letto.  Fra le novità dell’edizione 2016 l’alto numero dei paesi partecipanti. Le coppie che daranno vita alla suggestiva rievocazione, in costume tradizionale, verranno da Villalago, Bugnara, Scanno, Frattura, Anversa degli Abruzzi, Introdacqua, Pacentro, Pratola Peligna, Cocullo e Formelli. Obiettivo degli organizzatori della manifestazione è anzitutto quello di promuovere il territorio attraverso la cultura e le tante tradizioni popolari ma anche quello di costituire un punto di riferimento importante delle Associazioni culturali nazionali che hanno come progetto “La valorizzazione delle bellezze dei Centri storici”