COMITATI CIVICI SU SANITA’: SI FACCIA ASSEMBLEA CON LA CITTADINANZA

Il coordinamento dei comitati civici chiede un’assemblea pubblica sui nodi della sanità alla luce del piano di riordino varato dalla Regione. Ribadendo perplessità sulle recenti decisioni del Consiglio comunale che con un documento approvato dalla maggioranza ha di fatto accettato il declassamento dell’ospedale deciso dal commissario-presidente Luciano D’Alfonso e dalla Giunta regionale, il coordinamento chiede “a tutte le forze politiche del territorio, associazioni di categoria, associazioni e comitati presenti, di indire con urgenza una pubblica assemblea alla quale partecipino con propri interventi il sindaco di Sulmona, l’assessore regionale alle Aree Interne, la senatrice Paola Pelino, affinché si faccia chiarezza su quanto sta accadendo sulla programmazione sanitaria del nosocomio sulmonese – spiega Domenico Capaldo, portavoce del coordinamento dei comitati “Mo’ Bast” –  non si sottraggano al pubblico confronto perché i cittadini hanno il diritto di conoscere la verità sul futuro dell’ospedale e sui servizi che saranno garantiti e non di essere rassicurati da promesse a carattere soggettivo che potrebbero essere mantenute oggi dall’attuale Governo regionale, ma che una prossima legislatura potrebbe decidere di non conservare procedendo alla inesorabile sottrazione dei servizi erogati perché non previsti per un ospedale, a torto, declassato come quello di Sulmona”. Secondo i comitati esistono ancora “margini di tempo e spazi per ribaltare questa decisione di declassamento dell’ospedale e chiediamo ai nostri rappresentanti locali di non rinunciare a combattere questa importante battaglia mobilitandosi insieme ai cittadini”. Intanto giovedì, 11 agosto, alle 18,30 il coordinamento dei comitati terrà una manifestazione d’informazione alla cittadinanza sui temi della sanità. L’incontro si svolgerà sul sagrato del palazzo dell’ Annunziata.