GIOSTRA, IN TESTA SESTIERE PORTA MANARESCA

Colori che si mescolano, rulli di tamburi e squilli di chiarine che corrono nei vicoli del centro storico, bellissime dame e prodi cavalieri. La Giostra Cavalleresca è entrata nel vivo. La corsa al Palio e a Manaresca é iniziata, ma i rossoblù corrono più veloci di tutti e nella prima giornata di gara sono davanti a tutti nella classifica generale. L’attesa, lunga a causa del caldo che ha fatto ritardare l’avvio delle corse, è stata ben ripagata dal solito ed imparagonabile corteo che è partito dalla Villa Comunale per poi arrivare a Piazza Garibaldi, passando per tutto Corso Ovidio. Solito schieramento, a guidare il corteo il Borgo che l’anno scorso ha chiuso all’ultimo posto, e a chiuderlo i detentori del Palio che hanno fatto il saluto alla Signora di Sulmona al momento dell’entrata in Piazza Garibaldi. Lo spettacolo di colori non si ferma grazie agli altri sei borghi che si sono esibiti in Piazza Maggiore con i musici e gli sbandieratori: il Borgo di Santa Maria della Tomba ha messo in mostra la propria grande squadra, Japasseri e Bonomini si sono esibiti nella specialità di coppia, mentre Pacentrano ha portato in scena il singolo. Il Sestiere di Porta Filiamabili si è cimentato sia nel singolo che nella coppia con i suoi giovanissimi sbandieratori. Applausi scroscianti per il Borgo San Panfilo, che ha messo in scena la coppia arrivata seconda ai campionati nazionali Tenzone Argentea lo scorso week end con Filippo Ficorilli e Michael Gasbarro. La prima sfida, tra i due Borghi di San Panfilo e Pacentrano, si è conclusa con la vittoria del cavaliere Daniele Scarponi, che ha fatto le stesse botte (3) e punti (6) del fantino di Pacentrano, ma in un minor tempo. Il tempo è giudice indiscusso anche nelle due sfide successive. Prima tra il Borgo di Santa Maria della Tomba e il Sestiere di Porta Manaresca, che pareggiano in botte e punti ma non nei secondi, con Diafaldi che precede il cavaliere gialloverde di appena sette decimi di secondo. Poi tra Japasseri e Filiamabi, con il sestiere rossonero che beffa di tre decimi i gialloblù. Nella quarta sfida il Borgo Pacentrano approfitta della penalità attribuita al Sestiere di Porta Bonomini, e si aggiudica la gara; mentre nella quinta sfida Manaresca batte San Panfilo ancora per il tempo e segna un altro record. Diafaldi è l’unico ad aver centrato ben 24 anelli consecutivi tra l’edizione 2015 e l’edizione 2016. Un vero e proprio cecchino. La sesta sfida da dentro fuori tra Filiamabili e la Tomba vede trionfare i gialloblù, mentre la gara finale tra Japasseri e Bonomini vince l’esperto Capiani, che riporta in corsa per le semifinali Bonomini. Una giostra ancora aperta, tutta ancora da scrivere e, soprattutto, da correre. Durante le gare è stato premiato dal Commissario Reggente,Maurizio Antonini, e il Presidente della Giostra, Domenico Taglieri, Anthony Peth, ambasciatore del Made in Italy nel mondo.

CLASSIFICA AL TERMINE DELLA PRIMA GIORNATA DI GARE

  1. Sestiere di Porta Manaresca                   2 vittorie
  2. Borgo San Panfilo                                     1 vittoria
  3. Sestiere di Porta Filiamabili                   1 vittoria
  4. Borgo Pacentrano                                     1 vittoria
  5. Sestiere di Porta Japasseri                      1 vittoria
  6. Sestiere di Porta Bonomini                     1 vittoria
  7. Borgo di Santa Maria della Tomba       0 vittorie

Valerio Di Fonso

DSC_0970DSC_1374DSC_1350DSC_1047DSC_1048

foto0000 foto1 foto2 foto3 foto4 foto5 foto6 foto09 foto55 giostra0 giostra1 giostra2 giostra3 giostra4 giostra5 giostra6 giostra7 giostra8 giostra9 giostra10  giostra12 giostra13  giostra15 giostra16 giostra44 giostra55 (1)