TDM “PERSONALE IN FERIE, DUE ORE DI ATTESA A ONCOLOGIA PER UN PRELIEVO”

“Con il personale in ferie, si bloccano i servizi e i pazienti sono costretti ad attendere anche due ore per un prelievo, anzichè  i quindici minuti necessari”.  Torna alla carica Edoardo Facchini, responsabile del Tribunale per i diritti del Malato, che questa mattina in conferenza stampa, ha  denunciato nuovamente il problema della carenza del personale nell’ospedale di Sulmona, soprattutto nel periodo estivo. “la problematica si ripresenta ogni anno e si riscontrano disagi anche per altri servizi come a Diabetologia” afferma Facchini  “Chi è preposto a intervenire deve farlo in tempo utile. E’ un problema di organizzazione, non abbiamo soldi nemmeno il personale. Ma si può evitare questo. Il rischio è che per sopperire all’esigenza di chi deve andare, giustamente, in ferie, dagli ospedali maggiori, come quello dell’Aquila, pescano nel nosocomio di Sulmona e questo non è corretto”.  Secondo Facchini “L’azienda sanitaria è poco organizzata”.  Pone l’accento il responsabile del Tdm sui disagi che affrontano gli utenti che quotidianamente si recano al SS Annunziata, come la criticità dei parcheggi “I pazienti che arrivano in ospedale, avendo già le proprie preoccupazioni relative alla salute non possono subire multe dai vigili urbani, che non tollerano nemmeno l’auto in sosta fuori da uno stallo preposto a causa di un’urgenza e non per svago” sostiene Facchini, il quale nell’elenco delle problematiche aggiunge anche la difficoltà degli utenti, soprattutto disabili e anziani, nel raggiungere il distretto territoriale, situato nella zona retrostante l’ospedale, a causa del cantiere per la realizzazione del nuovo nosocomio.  “Da quando sono stati aperti i cantieri, avevamo chiesto di trovare una maniera per trasferire il servizio così da renderlo fruibile, ma riceviamo ancora le segnalazioni da parte dei più deboli costretti a percorrere in modo poco agevole un tratto difficoltoso. Questo non è accettabile”.  In merito alla riapertura ad agosto delle sale operatoria, annunciata dal manager della Asl 1 Tordera, (clicca), facchini commenta: “Non ci crediamo”.