BASTA UN ACQUAZZONE PER ALLAGARE STRADE E NEGOZI DAVANTI LA STAZIONE

Sono bastati pochi minuti a un forte acquazzone per causare danni e allagamenti ieri a Sulmona. Ad essere maggiormente colpito è stato il piazzale davanti la stazione centrale. Per l’ennesima volta. Inferociti i commercianti, in particolare i proprietari del Bar e dell’edicola,  per la scarsa manutenzione dei tombini, che con le forti piogge si ostruiscono e scoppiano, causando veri e propri laghi nel parcheggio con la conseguente invasione nei locali. Tornano a chiedere a gran voce l’intervento urgente di chi di dovere per evitare il ripetersi della situazione che causa danni non solo alle attività commerciali, ma anche per i tanti viaggiatori  che utilizzano il treno per partire ed arrivare a Sulmona. Per non parlare delle difficoltà dei pendolari che devono riuscire a raggiungere la propria auto parcheggiata nel piazzale che nel frattempo diventa un’enorme pozza d’acqua. Come spiegano i componenti del Comitato “Sulmona, Stazione di Sulmona” e come raccontano i commercianti con ancora in mano secchi, scope e guanti “Abbiamo dovuto abbassare le saracinesche e passare il pomeriggio a raccogliere l’acqua che ha invaso tutto il locale con danni economici”. La colpa, come precisa il Comitato “è della mancanza di manutenzione ordinaria: tombini mai puliti come il piazzale stesso, dove ci sono ancora foglie a terra e  rami mai rimossi. Una situazione che si ripresenta ogni volta che piove. Chiediamo alla nuova amministrazione comunale di prestare massima attenzione a questa zona e alle infrastrutture ausiliare, affinchè chi viene a farci visita da fuori e noi stessi pendolari possiamo godere del servizio di trasporto pubblico in maniera ottimale senza tali inconvenienti”

4-1