FINANZA, PROVE DI SOCCORSO RICERCA E RECUPERO SALMA IN MONTAGNA

Nello scenario montano della valle delle “Gravare”, al Piano dell’Aremogna-Roccaraso, si e’ svolta un’esercitazione dei finanzieri del soccorso alpino in cui e’ stata simulata la ricerca di una persona dispersa e il recupero di una salma in ambiente impervio. L’intera esercitazione si e’ svolta alla presenza del Comandante Regionale Abruzzo, il generale di Brigata Flavio Aniello, del comandante della Compagnia di Sulmona, tenente Luigi Falce, del procuratore capo della Repubblica di Sulmona, Giuseppe Bellelli, e del sostituto Stefano Iafolla. La prima attivita’, effettuata dall’unita’ cinofila da soccorso e da squadre a terra, ha permesso il ritrovamento di un “cercatore di funghi” disperso ed in stato confusionale. Per l’intervento, coordinato da finanzieri esperti in topografia applicata al soccorso, sono stati utilizzati apparati GPS e dati di geo-localizzazione forniti tramite gestore telefonico. La seconda attivita’ ha riguardato un soccorso tecnico urgente di un alpinista in cordata che, in seguito ad una caduta durante un’arrampicata su parete rocciosa, ha riportato gravi traumi tali da procurarne il decesso. Le operazioni di soccorso sono state effettuate da Tecnici di elisoccorso della Guardia di Finanza con l’ausilio di elicottero AW 139 della Sezione Aerea Pratica di Mare, previa autorizzazione di rimozione della salma da parte dell’Autorita’ Giudiziaria competente per territorio e presente, appunto, alle operazioni. L’esercitazione ha implementato il rapporto del Corpo con l’Autorita’ Giudiziaria e messo in risalto alla stessa Autorita’ le notevoli capacita’ tecniche dei soccorritori in grado di svolgere particolari attivita’ di soccorso a salvaguardia della vita umana alla luce delle esclusive competenze e qualifiche dei finanzieri del Soccorso Alpino in ambiente impervio e montano.

SOCCORSO2

foto 2