AL VIA A SULMONA RACCOLTA FIRME PER REFERENDUM SOCIALI

Anche a Sulmona arriva la primavera dei diritti e della democrazia. In occasione del week-end di mobilitazione globale lanciato dal movimento Nuit Debout di Parigi, che da settimane sta crescendo a ritmi incredibili in tutto il Vecchio Continente, comincerà a Sulmona la raccolta firme per i referendum sociali. L’appuntamento è al banchetto organizzato lungo Corso Ovidio all’altezza della piazzetta dedicata a Celestino V nei giorni di sabato e domenica dalle  11 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 20. Sei quesiti referendari, una petizione popolare, centinaia di attivisti e di attiviste, decine di adesioni da realtà e associazioni, mille banchetti in tutta Italia: è questa la portata del Firma Day. “Le città italiane saranno invase dai cittadini e dalle cittadine che si rifiutano di accettare che la scuola sia trattata come un’azienda privata, che la tutela dell’ambiente e della salute venga sacrificata sull’altare del profitto che assicurano le costruzioni di trivelle e inceneritori” scrivono in una nota i componenti dell’associazione Altrementi, Collettivo Studentesco Sulmona, Zona Alternativa 1000 Watt “che l’acqua e i beni comuni diventino affare privato di pochi.Invitiamo tanti cittadini, muniti di documento di identità, a venire a firmare questi quesiti che sono il fondamento di un nuovo protagonismo in tutta Italia.Invitiamo anche i candidati alla carica di sindaco e di consiglieri comunali a firmare e a prendersi la responsabilità di avviare un nuovo percorso in città che ponga al centro della propria azione politica il bene comune e non l’interesse di pochi.”  Per approfondire le ragioni della campagna www.referendumsociali.info.