CALCIO, I RISULTATI DEL WEEKEND PELIGNO

Saranno play-off per Pro Sulmona, Nerostellati Pratola e Raiano. La Federlibertas Bugnara attenderà il Pescina Calcio. Il Pacentro conquista la Seconda Categoria contro il Campo di Giove, mentre per la Morronese manca solo la matematica. Vittoria a tavolino per la Ferroviaria, l’Ovidiana s’impone nel derby contro l’Aurora. Con la forza della disperazione la Pro Sulmona conquista, in rimonta, il quarto posto che consentirà agli ovidiani di affrontare il Casalbordino nei play-off. I biancorossi hanno rischiato il tracollo a Palombaro, e solo una grandissima prestazione d Tadic (autore di quattro reti) ha evitato il peggio. I locali vanno avanti dopo appena tre giri di lancetta con Lamberti, che raddoppia al decimo minuto. Alla mezz’ora sale in cattedra Tadic, che in otto minuti pareggia la situazione con una doppietta, e ribalta la gara con altri due gol, al sesto e al quattordicesimo minuto della ripresa, regalando a Cau i play-off. Successo importante in chiave play-off anche per i Nerostellati Pratola che, battendo il Mutignano per 3-1, superano in classifica il San Gregorio fermato a Controguerra, ottenendo un miglior piazzamento ed il vantaggio di avere a disposizione due risultati su tre per approdare in finale. Peligni in vantaggio grazie al gol lampo di Dionisi, raddoppiato da Sablone al trentacinquesimo. Il Mutignano rientra in partita grazie alla rete di Cantoro nel finale del primo tempo, ma nella ripresa è il solito Palombizio (19 reti per lui) a chiudere i conti con il gol del definitivo 3-1. In Prima Categoria sonora vittoria del Raiano che batte per 7-0 un San Donato che, se si esclude la vittoria a tavolino contro lo Sporting Francavilla, non vince una gara da ben due mesi (Castrum-San Donato 0-1). I gol dei rossoblù sono stati firmati da Stampone, Ginnetti (doppietta), Pallozzi, Civitareale e Durazzo. Con questi tre punti i peligni si assicurano il secondo posto nel girone E, alle spalle del Real Ofena, e dovranno disputare i play-off contro l’Elicese. Niente play-off, invece, per la Virtus Pratola. La vittoria per 2-0 sullo Za Mariola Bussi non basta ai peligni per raggiungere l’Elicese, vittoriosa contro il Verlengia. In Seconda Categoria la Federlibertas Bugnara, già qualificata per la finale play-off, attende il Pescina Calcio che nel week end ha strapazzato il Collarmele per 3-0. Nel girone A di Terza Categoria la Morronese fa un altro importante passo verso la Seconda Categoria, battendo per 8-0 il fanalino di coda Capestrano. A trascinare al successo la squadra delle frazioni ci ha pensato la coppia del gol Pezzullo-Liberatore, con una doppietta del primo e una tripletta del secondo, scandite dalle reti di Restaino, Incani e Virtuoso. Per la matematica promozione bisognerà aspettare domenica prossima. Promozione centrata per il Pacentro nel gruppo B, che ha vinto uno dei derby della Majella più belli della storia, battendo il Campo di Giove per 7-6. Game, set e match per i pacentrani, vittoriosi grazie alle triplette di Vuolo e Cucurullo. A nulla sono servite per gli ospiti le doppiette di  De Chellis e Carducci, vanificate dal gol finale di Santilli. Ad andare a segno per il Campo di Giove anche Maddalena e Previtali. L’Aurora dice addio ai play-off, mentre a festeggiare nel derby è l’Ovidiana. Biancorossi portati in vantaggio dal gol di Di Bacco, raddoppiato da Romanelli. L’Aurora accorcia dagli undici metri con Filippi, ma nella ripresa è ancora Romanelli ad andare a segno altre due volte, regalando la prima vittoria della storia dei biancorossi in un derby tutto sulmonese. Vittoria interna per il Cansano, che regola l’Aielli con il più classico dei risultati, 2-0, grazie ad una doppietta del bomber Scarpone. Tirando le somme per le peligne è stata un’annata positiva: una promozione conquistata dal Pacentro ed una vicinissima della Morronese, impreziosite da quattro squadre qualificatesi per i play-off. Se tutto dovesse andare nel migliore dei modi durante gli spareggi, l’annata si potrebbe concludere con il salto di categoria per ben cinque squadre peligne, un vero successo.

Valerio Di Fonso