SERVIZIO RIFIUTI, DE CRESCENTIIS REPLICA “OPPOSIZIONE STREPITA SENZA PROPORRE NULLA”

“Constatiamo con sorpresa che i consiglieri Leone e Di Nino sono ora dotati di una miracolosa “palla di vetro” attraverso la quale sono in grado di prevedere il futuro. Paventano “trabocchetti” che andrebbero a penalizzare i contribuenti di Pratola Peligna, parlano di una procedura amministrativa “al limite del rasoio” ed altre amenità alle quali siamo oramai abituati.  E’ il solito refrain per il quale si strepita, si allude a chissà quali complotti senza proporre nulla, senza dare un contributo concreto”. Recplica cosi il sindaco di Pratola, Antonio De Crescentiis, alle accuse dei due consiglieri di opposizione, Antonio Di Nino e Antony Leone, in merito alla situazione servizio rifiuti al Comune. “Un esempio lampante – sottolinea il primo cittadini in una nota – è quello della famosa  Commissione da loro richiesta in Consiglio Comunale quale unico ed insostituibile  strumento  di controllo della nostra attività amministrativa, con riguardo specifico al percorso che porterà all’affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti. Una richiesta da noi respinta- specifica De Crescentiis – in quanto abbiamo sempre  ritenuto che incontri nel contesto di Conferenze di capigruppo, tenute a cadenza regolare, sarebbero stati più funzionali e meno farraginosi rispetto alla istituzione di una commissione che, peraltro, nemmeno i proponenti hanno chiarito di che cosa dovesse parlare, da chi dovesse essere costituita e quale funzione avrebbe avuto. Abbiamo così, di nostra iniziativa, convocato una Conferenza dei capigruppo allo scopo di condividere con tutta la opposizione il percorso intrapreso. Dopo lunghe contrattazioni per trovare una data ed un orario che fossero graditi a tutti, il giorno 15 Marzo è stata convocata una riunione per il giorno 24 Marzo, alle ore 17.30. Bene, il giorno prima della stessa, quindi ben 8 giorni dopo la sua convocazione,  il consigliere Leone ha richiesto uno spostamento che, essendo incompatibile con le esigenze degli altri consiglieri, ci ha costretto a rinviare l’incontro” racconta De Crescentiis. “Abbiamo così deciso, sempre di nostra iniziativa ed in assenza di qualsiasi richiesta da parte dei Consiglieri Leone e Di Nino, di convocare, previo accordo con tutti i Consiglieri di opposizione, un’altra Conferenza dei capigruppo per Lunedì 4 Aprile alle 16.45. Ebbene, dopo questa convocazione che abbiamo, purtroppo erroneamente, ritenuto un passaggio importante per poter discutere in maniera costruttiva, nel pieno interesse dei cittadini, delle procedure che condurranno all’affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti, i consiglieri Leone e Di Nino consegnano alla stampa l’ennesimo attacco farcito di falsità ed allusioni. Ci confronteremo nella riunione dei capigruppo e lo faremo ancora meglio in Consiglio Comunale ma ai cittadini vogliamo chiarire due punti fondamentali” ha aggiunto il sindaco, ribadendo che “Non è vero che manchiamo di trasparenza: La trasparenza, oltre ad essere un obbligo di legge, è un principio sul quale abbiamo fondato ogni nostra azione. Sfidiamo i Consiglieri Leone e Di Nino a reperire un solo atto del quale non abbiamo dato notizia e pubblicazione. Non è vero che il servizio rifiuti del Comune di Pratola Peligna ha costi esagerati: nel precisare che il costo di un servizio si basa sul rapporto tra costo totale e numero di abitanti” ha continuato il primo cittadino snocciolando i numeri:  costo annuo:  950.000,00 euro / abitanti: 7785; quindi 950.000 : 7.785 = 122 euro. Ogni abitante a Pratola paga il servizio per una media di 122 euro. Per fare un confronto scientifico con i costi di altri Comuni italiani, abbiamo utilizzato il rapporto nazionale sui rifiuti pubblicato dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione  e la Ricerca Ambientale)  e reperibile sul sito www.isprambiente.gov.it . Da tale rapporto emerge che il costo medio nazionale per il servizio rifiuti è pari a 174 euro per abitante. Sulla media nazionale quindi abbiamo: Italia 174 euro / Pratola 122 euro Più nello specifico il rapporto individua il costo medio anche per zone geografiche Al Nord il costo medio è di 148,28 euro, al Centro il costo medio è 208,94 euro, al Sud il costo medio è di 165,21 euro. Sulla media del Centro Italia quindi abbiamo: Centro Italia 208,94 / Pratola 122,00 euro. Ma vogliamo analizzare anche la media nazionale dei comuni della stessa classe di popolazione di Pratola: costo medio comuni 5.000 – 10.000 abitanti : 139,23 euro. Sulla media dei comuni 5/10mila abitanti abbiamo: media nazionale 139,23 / Pratola 122 euro. “Quindi, in definitiva, Leone e Di Nino pur di apparire sulla stampa e dare un senso ad un’opposizione che nella realtà fa acqua da tutte le parti – conclude De Crescentiis – contestano un servizio che sta ai primi posti a livello nazionale sia per i risultati della raccolta differenziata (75 %) sia per il costo che, spiacenti per loro, risulta essere tra i più bassi in Italia. Convinti di aver chiarito ai cittadini con quale opposizione abbiamo avuto a che fare in questi anni, continueremo a lavorare alle tante opere pubbliche avviate e prossime all’avvio che daranno il senso del nostro impegno costante a  favore della comunità”.