“BANDA OSIRIS” CONQUISTA IL PUBBLICO DEL “CANIGLIA” DI SULMONA. INNERWHEEL PER “ADOTTA UNA CLASSE” A PRATOLA

Un concerto davvero unico nel suo genere, uno spettacolo dove il cabaret, la musica colta e quella popolare, il mimo, l’abilità attoriale e la comicità hanno travolto allegramente il fortunato pubblico ieri presente al teatro “Maria Caniglia” per questa ennesima “chicca” della Camerata Musicale Sulmonese. Ad esibirsi sul palco la “Banda Osiris”, gruppo musicale italiano nato a Vercelli nel 1980 dai fratelli Gianluigi e Roberto Carlone, da Giancarlo Macrì e Mario Sgotto, da tempo sostituito da Sandro Berti. Sono più di trentacinque anni che la Banda Osiris gioca con il suo talento profanatore, passando allegramente e con estrema disinvoltura tra colonne sonore, palcoscenici di ogni ordine e grado, spettacoli di piazza, studi televisivi e radiofonici con un repertorio dalle molteplici sfaccettature, costruito su un eclettismo straordinario ed una ironia fuori dal comune.

Non è stato difficile per il pubblico lasciarsi trascinare dalla vigoria e dalla baraonda di questo gruppo, inatteso e bizzarro nelle sue canzoni e nei suoi testi da teatro dell’assurdo.

foto17

Uno spettacolo non solo simpatico e buffo ma anche ricco di musica magistralmente suonata, a volte scomposta e ridanciana, altre cinica, altre ancora raffinata e lirica. L’espressione dello spettacolo è quella che da sempre caratterizza il lavoro della Banda: altissima qualità di esecuzione dal vivo, testi irresistibili e sagaci, voli pindarici fra la tradizione musicale italiana, musica colta, storia, costume e l’irreale.

L’esibizione portata in scena ieri sera dalla banda piemontese è la trasposizione sul palco del fortunato libro del quartetto piemontese venuto alle stampe nel 2014: “Le dolenti note. Il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti”, edizione Ponte Delle Grazie.

Con simpatia e non credendoci davvero, la Banda Osiris si è presentata al pubblico con un pot-pourri di racconti, aneddoti, battute, quiz, lettere e stranezze varie volte a sdoganare e sminuire una delle professioni più belle del mondo: il musicista.

“Il mestiere di musicista: se lo conosci lo eviti”, con questa battuta è iniziato questo originalissimo spettacolo dove la musica è stata tutt’altro che svalutata è dove la parola e la fisicità hanno fatto da padroni.

Sagaci nel disegnare ritratti spietati, pungenti nelle essenziali definizioni, sottili anche nelle più affabili dissertazioni ma soprattutto agguerriti nel perseguire il loro unico traguardo, ovvero dissuadere l’aspirante musicista a divenire tale, la Banda Osiris non ha mai lasciato in secondo piano l’aspetto musicale e teatrale. Il quartetto ha coinvolto il pubblico in un vortice di suggestioni creative e musicali a 360 gradi: gioco, ironia, improvvisazione e musica si sono fuse in un’esibizione irruente, per quasi due ore di grande spettacolo dal vivo, che ha regalato ai presenti tutto il gusto della comicità di qualità, dell’ottima perfomance musicale e lasciando spazio anche ad insospettati spazi di riflessione e di emozione.

foto12

Gli artisti sul palco sono stati ricambiati da un pubblico numeroso, che ha colmato il Teatro “Maria Caniglia” e che ha omaggiato con calorosi applausi e consensi un esibizione completa, originale, istrionica e sorprendentemente alta.

Durante la serata sono stati presenti i rappresentanti dell’Inner Wheel Club di Sulmona a sostegno del progetto “Adotta una classe” in collaborazione con il Comune di Pratola Peligna, una iniziativa importante per confermare la presenza dell’ associazione sul territorio. Sul palco la presidente del sodalizio, Chiara Buccini, il sindaco di Pratola, Antonio De Crescentiis, e il direttore artistico della Camerata Musicale Sulmonese, Gaetano Di Bacco. ad illustrare la raccolta fondi destinata a contribuire all’acquisto di arredi e suppellettili antisismici per le scuole elementari e medie di Sulmona.

foto18

foto20

Prossimo appuntamento

Domenica 7 febbraio ore 17:30, presso il Teatro Cinema Pacifico si terrà il concerto del chitarrista Emanuele Buono, Vincitore del 1° premio al prestigioso Concorso Internazionale di chitarra classica “Michele Pittaluga” nel 2013. Il maestro eseguirà musiche di  Miguel Llobet, Sylvius Leopold Weiss, Isaac Albéniz e Mauro Giuliani.

Per prenotazioni e e informazioni rivolgersi a: Camerata Musicale Sulmonese – Vico dei sardi, 9 – Tel. 0864/212207, dal lunedì al venerdì dalle 09:30 alle 13:00.

Lucrezia Daniele

 

foto2 foto3  foto5 foto6 foto7 foto8 foto9 foto10    foto14  foto16   foto19