TURISMO CINESE IN ARRIVO, DESTINAZIONE PARCO MAIELLA

Entro due mesi il Parco nazionale della Maiella avrà la certificazione “welcome chinese” ed entro marzo prossimo ci saranno i primi arrivi. Si muovono in anticipo i responsabili dell’area protetta abruzzese, per sostenere la prevedibile ondata di turismo cinese dopo la liberalizzazione dei viaggi turistici all’estero. Questa mattina nella sede del Parco nazionale della Maiella è stato sancito l’accordo tra la China tourism academy, ente pubblico del turismo cinese, preposto alle politiche dello sviluppo del turismo “mandarino” e il presidente dell’ente Parco, Franco Iezzi. Ad illustrare l’iniziativa, che dovrà portare alla certificazione di “welcome chinese”, è stata la responsabile del progetto Concetta Cravello. “Welcome chinese rappresenta elemento di garanzia di qualità alle aspettative dei viaggiatori cinesi – afferma Cravello –  loro hanno abitudini ben precise che vogliono mantenere anche fuori dalla loro terra, piccole cose che però per i cinesi sono essenziali, come il bollitore per il tè, poter mangiare cibo cinese, essere costantemente informati di quello che succede nel loro paese e magari una vasca da bagno al posto della doccia”. Nel corso della conferenza stampa è stato rivelato che ogni cinese spende per un viaggio dai 7500 a 20.000 euro. I cinesi viaggiano principalmente nei mesi di gennaio, febbraio e maggio in coincidenza con le loro festività, soprattutto il capodanno cinese e poi ad ottobre e novembre, in estate viaggiano solo gli studenti universitari, si muovono in gruppi al massimo di quindici-venti persone. La presenza di turisti cinese andrebbe a colmare periodi di flussi turistici più deboli rispetto al resto dell’anno. “Oltre agli indubbi vantaggi derivanti dalla certificazione – ha dichiarato il presidente dell’ente Parco, Iezzi – questa iniziativa è un’ulteriore manifestazione della decisa volontà dell’ente parco di coinvolgere gli attori del territorio ad assumere un ruolo attivo e propositivo nelle scelte di sviluppo locale, ponendo le potenzialità del parco a loro servizio”. L’attribuzione del riconoscimento “welcome chinese” consentirà di poter usufruire di alcuni servizi turistici, di marketing e promozione turistica, per agenti di viaggio, promuovere aziende certificate presso tour operator cinesi e da ottobre avere un’area privata sul sito dell’accademia. Ad oggi sono più di cinquecento le aziende certificate, in rappresentanza di 32 Paesi nel mondo.In Italia hanno ottenuto la certificazione il Museo Ferrari di Maranello e di Modena, Cinecittà e la Valle dei Templi di Agrigento. Mentre il Parco della Maiella è il primo parco ad aver chiesto questo riconoscimento.

FullSizeRender-20 copia 2

FullSizeRender-20