CONSEGNATO TAPIRO A D’ALFONSO CHE RICONVOCA GIUNTA TEMATICA A SULMONA

Un tapiro per le promesse non rispettate. Una delegazione del comitato pro punto nascita ha consegnato questa mattina la copia della tipica onorificenza satirica di Striscia la Notizia al governatore regionale Luciano D’Alfonso, al termine del suo intervento nel tribunale di Sulmona per il convegno di avvio del master universitario sui “Processi telematici e linguaggi giudiziari”. Appena arrivato davanti palazzo di Giustizia, il presidente è stato bloccato subito dai rappresentanti del comitato, Alberto Di Giandomenico ed Elisabetta Bianchi, i quali, con alle spalle striscioni, affissi sulle ringhiere d’ingresso per la salvaguardia del punto nascita peligno,  hanno provato ad incalzare in merito al fatto che non si è più svolto il confronto tra Giunta regionale e comunale, che D’Alfonso stesso aveva promesso di tenere nell’Abbazia celestiniana lo scorso mese.  Il presidente, non ancora attapirato, accolto dal sindaco Giuseppe Ranalli, ha dribblato le domande ed è corso al secondo piano di palazzo Capograssi, per partecipare alla conferenza. Non si è sottratto alle interviste a margine dell’incontro, promettendo, nuovamente, una Giunta tematica regionale nell’Abbazia di Santo Spirito al Morrone da tenere in un venerdi prima del 24 Giugno. Non ha confermato una data precisa, poichè ha detto che l’appuntamento sarà stabilito in base alla sua agenda, a quella del sindaco, del vescovo: “mi farò carico di invitare una rappresentanza del comitato, insieme alla giunta comunale e chiederò al presidente del Tribunale di essere presente”.  Quanto ai punti all’ordine del giorno, ha dichiarato: “Credo al confronto e al dialogo: esamineremo numeri, atti, documenti sia per esaltare i punti di forza di Sulmona, sia per riconoscere i punti di debolezza”. All’uscita dal Tribunale, è avvenuta la consegna del tapiro al presidente, il quale, però, inizialmente non lo ha accettato, tentando diplomaticamente di evitare di riceverlo direttamente nelle sue mani. Si è poi diretto in un bar, per un rapido caffè e nel momento in cui stava per infilarsi nell’auto blu, tra sorrisi e ironie, ha consentito al comitato di sistemare il tapiro nel sedile posteriore dell’auto.

foto2

Prima di partire ha salutato il primo cittadino urlandogli “Sindaco sorridi”. Fuori microfono, Ranalli ha risposto che sorriderà nel momento in cui saranno risolti i problemi del territorio. “In questo importante convegno,  ho riproposto al presidente un’attenzione per le aree interne, che vedono i numeri non in linea con quelli governativi i numeri nazionali con le riforme che sono in corso, come giustizia, sanità, istruzione, aree interne e poli di attrazione” ha dichiarato Ranalli nell’intervista “Questi saranno gli argomenti di discussione che proporremo al presidente. Intanto andiamo avanti con le nostre azioni istituzionali per la difesa dei nostri presidi territoriali”. Sul punto nascita ha affermato “abbiamo presentato il ricorso al Tar per il decreto 10, penso che vada avviata una discussione più generale ma che debba caratterizzarsi per scelte politiche del territorio. Oggi il presidente ha riconfermato che vuole impegnarsi. Attendiamo le proposte che verranno fatte alla nostra comunità. Il comitato, invece, ha commentato: “Chiediamo adesso al sindaco e al consigliere regionale Gerosolimo di fare pressing sul presidente affinchè questa giunta tematica venga fatta entro giugno come nuovamente promesso”.

 

foto0  foto4  foto6 foto7 foto8

foto5

foto10 foto11  foto13 foto14  foto16