FOLLA ALLA SCOPERTA DI “PIAZZAVENTI” IN ROSA

E’ satira, bellezza. Sorrisi spontanei, stentati e in alcuni casi ostentati, grasse risate come rifugio della propria riservatezza e riso amaro, come una sorta di buon viso a cattivo gioco nello scoprire <come ci vedono gli altri>, in quella “Piazzaventi”, titolo del volume numero tre firmato Mario Maiorano, rifacendosi al salotto privilegiato nel centro storico di Sulmona, luogo strategico di incontri, di chiacchiere, di passaggi e di osservazione. Affollatissimo il Cinema Pacifico venerdi 19 dicembre <Sono nella maggioranza donne in sala e non so se devo preoccuparmi> ha scherzato subito l’autore. Un vero evento la presentazione del tomo che raccoglie 150 caricature di donne che vivono a Sulmona, argutamente colte nelle espressioni del volto e degli occhi, nelle pose e nelle movenze. Un fermo immagine “caricato” che svela e racconta, in qualche modo, il carattere quel personaggio, pizzicato attraverso una delicata ironia che esaspera, con equilibrio, punti deboli fisici o caratteristiche prominenti di ognuno, fornendo una chiave di lettura, a volte inaspettata per chi è incline a dar retta a quel <mica io sono così>. Forse perchè, come ha suggerito l’autore stesso, <tutte conoscono le altre, ma non riconoscono sè stesse>. Guardandole tra il pubblico, in carne ed ossa, Maiorano ha subito constatato che la copertina del libro non ha rispecchiato la realtà (in quel momento, però): nessuna “rivolta” di orde di signore in assetto bellico, dunque, nel rincorrere l’autore mentre tenta di mettere in salvo le caricature, sotto lo sguardo di un preoccupato Ovidio con le mani tra i capelli. <E’ solo un gioco> hanno commentato dal palco, smorzando subito eventuali ire funeste. Si sono susseguiti gli interventi, coordinati da Fabio Maiorano, del presidente dell’Accademia degli Agghiacciati (editore), Franco Cavallone, dello studioso Nicola Auciello e della giornalista Annalisa Civitareale, dopo brevi saluti del vicesindaco Luciano Marinucci (tra gli storici vittime della matita pungente di Maiorano nei precedenti volumi) e della vicepresidente della Provincia dell’Aquila, Antonella Di Nino (tra le pagine del volume).  Pirandello diceva che l’umorismo disgrega la realtà e mostra la verità nuda, facendo saltare  barriere fittizie, come ha ricordato la giornalista, sottolineando il fine umorismo di Maiorano e chiamando le caricature “racconti”, in cui c’è la storia della sulmonesità. In realtà, nonostante per qualcuna possa esser risultato una sorta di “delitto di lesa beltà” o un desiderio appagato l’essersi riconosciuta, l’immagine realizzata dal caricaturista sulmonese, non è un ritratto istantaneo nemmeno una fotografia, ma caricatura, appunto, figlia di un talento naturale, che, con pungente sguardo ironico, lascia emergere lo spaccato urbano di una città in rosa: politici, commercianti, liberi professionisti, giornalisti, avvocati, pensionati, studenti. In chiusura Maiorano, commosso, ha voluto ricordare quel sorriso nell’ultima pagina del libro, quello di chi sarebbe stata felice di potersi rivedere, ma purtroppo la vita non le ha lasciato il tempo.  Cinquanta immagini, scelte tra le pagine del volume, con tanto di gigantografia, saranno esposte in una mostra che sarà possibile visitare dal 10 gennaio prossimo nella Cappella del corpo di Cristo Morto  a palazzo dell’Annunziata.

LA PRESENTAZIONE IN CONFERENZA STAMPA CLICCA

foto14

L’ASSALTO DELLE DONNE…PER L’AUTOGRAFO

 

foto4      foto12

la vicepresidente della Provincia, Di Nino

foto16

 

foto9

foto3

foto13

vice questore aggiunto Commissariato Polizia di Sulmona Francesca La Chioma

foto7 foto11

foto0

Annalisa Civitareale giornalista

foto15

l’assalto per l’autografo

foto3

foto5