ITC E ITCG TRASLOCANO ALL’ITIS. COSì E’ DECISO

Si andrà all’Itis di Pratola Peligna. Gli studenti dell’ Itc e Itcg di Sulmona dal prossimo lunedi 27 ottobre dovranno traslocare nell’edificio scolastico pratolano, tra le  quattro scuole  che compongono il Polo Scientifico, di cui fanno parte anche il De Nino e il Morandi, oltre al Liceo scientifico.  La decisione è stata presa questa mattina dalla Provincia dell’Aquila,  durante il vertice, che si è concluso pochi minuti fa nella sede della Prefettura  all’Aquila (foto)  alla presenza del viceprefetto Giuseppe Guetta, del sindaco di Sulmona, Peppino Ranalli, del preside del Polo Scientifico, Massimo Di Paolo, di alcuni insegnanti, insieme al presidente della Provincia, Antonio Del Corvo, e alla sua vice Antonella Di Nino.  Una soluzione questa che era stata proposta già dal dirigente scolastico  (clicca) a poche ore dal sequestro dai finanzieri di una parte dell’edificio sulmonese di via D’Andrea lo scorso venerdi (clicca),   trovando l’obiezione del primo cittadino che, determinato a far restare il popolo studentesco a Sulmona (clicca)  , ha proposto, invece, tre  soluzioni (clicca) come il trasloco nei locali dell’ex sede della Croce rossa, che ha ospitato già i liceali del Classico, l’utilizzo di aule in prestito da altre due scuole comunali della città (Serafini e Capograssi) o il doppio turno con lezioni pomeridiane nel Liceo scientifico. Una situazione che da due giorni sta sollevando dibattiti e polemiche tra cittadini e genitori degli studenti, i quali, non poco preoccupati, oggi pomeriggio si riuniranno per discuterne e per fare il punto della situazione con il preside. In considerazione anche del fatto che, con molta probabilità, sarà la Provincia stessa ad occuparsi del pagamento del trasporto dei ragazzi da Sulmona a Pratola, come annunciato proprio durante il summit odierno da Del Corvo.  L’istituto tecnico industriale di Pratola sarebbe risultato quello più idoneo ad ospitare gli oltre 300 studenti, capace di allestire in tempi rapidi aule laboratorio e palestre  di cui necessitano gli istituti tecnici, secondo il parere dei vertici della Provincia. Pronti alla protesta i ragazzi che domani mattina scenderanno in piazza per far sentire la loro voce.

riunionescuole