IL FASCINO DEI VERSI DI OVIDIO, AL VIA IL XV CERTAMEN

Mentre il Liceo Classico, dal nome del poeta al quale Sulmona diede i natali, sogna il ritorno nella storica sede di piazza Venti (ancora chiusa con il marchio inagibile da quel 6 aprile), oggi si alza il sipario sulla quindicesima edizione del Certamen Ovidianum Sulmonense, concorso internazionale di latino.  Sono 62 gli studenti liceali che domani mattina entreranno nel vivo dell’importante evento, cimentandosi con la prova che consiste nella traduzione in prosa o in versi di un brano tratto da un’opera di Ovidio, accompagnato da un commento in italiano riguardante gli aspetti storico – letterari- stilistici. 37 i licei rappresentati: 18 italiani, in rappresentanza di 10 regioni (pochi giorni fa ha aderito anche il Liceo Classico “Vitruvio Pollione” di Formia, LT) e 19 licei europei di cinque nazioni: Austria, Bulgaria, Germania, Montenegro e Romania. In programma, per la manifestazione che durerà fino al prossimo sabato 12 Aprile, giornate di studio caratterizzate dalla Presentazione degli “Atti della XIV edizione” a cura del professor Arturo De Vivo, dell’Università Federico II di Napoli, che apriranno il Certamen oggi alle 17.30  nel Cinema Pacifico. Relatore il professor  Arturo De Vivo, docente all’Università “Federico II” di Napoli. A seguire, il professor Giuseppe Dell’Agata – docente all’Università di Pisa – illustrerà la “Fortuna di Ovidio in Europa: le traduzioni bulgare delle Metamorfosi”. In chiusura dei lavori, è prevista la cerimonia di premiazione del terzo Concorso cittadino “Ovidio a scuola”.

Nel pomeriggio di domani venerdì 11 aprile, il  Cinema Pacifico dalle  17.30 sono ospiterà conversazioni sul tema “Donne allo specchio. Cosmesi ovidiane e dintorni”. Relatori il dottor Raffaele Argentieri (Dermatologo) e i professori Arturo De Vivo (Università “Federico II” di Napoli); Diego Poli (Università di Macerata); Jacqueline Risset (Università “Roma Tre”); Umberto Todini (Università di Salerno); Rossana Valenti (Università “Federico II” di Napoli). Introduzione e conclusioni affidate a, prof. Domenico Silvestri dell’Università “l’Orientale” di Napoli.