TOUR OPERATOR STRANIERI IN VIAGGIO SULLA SULMONA CARPINONE

Tre giorni sulla Transiberiana d’Italia, alla scoperta di uno degli angoli piu’ suggestivi dell’Abruzzo, mentre Rfi annuncia la chiusura della tratta, tanto che l’ultimo treno ha viaggiato la scorsa domenica.  È partito ieri il progetto “Adristorical lands”, finanziato con il programma comunitario transfrontaliero Ipa Adriatico, che prevede il viaggio in treno Molise-Abruzzo sulla storica tratta Carpinone-Sulmona. Si tratta, nello specifico, di un Educational tour, riservato agli operatori del settore turistico internazionale, che tende ad esaltare l’abbinamento tra l’offerta turistica naturalistica e la mobilità sostenibile. La Regione Abruzzo, in qualità di partner del progetto che ha come capofila la Regione Molise, ha voluto in questo valorizzare, dal punto di vista turistico, una tratta ferroviaria di grande rilevanza storica e paesaggistica, non a caso soprannominata la Transiberiana d’Italia. “Ci troviamo di fronte ad uno dei tratti di strada ferrata tra i più belli e suggestivi del Paese – ha voluto sottolineare l’assessore al Turismo, Mauro Di Dalmazio -. Il progetto tende a valorizzare la tratta ferroviaria come risorsa turistica all’interno di un contesto naturalistico che è quello del Parco nazionale della Majella. Siamo convinti che l’abbinamento turismo e mobilità sostenibile possa rappresentare una peculiarità dell’offerta turistica delle aree interne”. I viaggiatori, circa 60 persone tra tour operator nazionali e internazionali, blogger e giornalisti di settore, potranno ammirare le bellezze paesaggistiche del territorio a cominciare dal borgo di Pescocostanzo fino al Piano di Quarto di Santa Chiara della stazione di Palena (la seconda stazione Fs più alta d’Italia). I viaggiatori saranno accolti domani alla stazione di Palena dai rappresentanti della Regione Abruzzo e delle istituzioni locali con degustazione di prodotti tipici e visita ad un mercatino tipico.