ACCECATO D’AMORE LE BRUCIA L’AUTO. ARRESTATO

aggiornamento ore 13.20 Quando le illusioni di amore accecano e si trasformano in gesti folli e portano guai. I carabinieri di Sulmona hanno arrestato un quarantenne originario di Anversa degli Abruzzi, ma residente a Bugnara, G.D.V, ritenuto presunto autore dell’incendio ai danni di una Citroen C3 parcheggiata in un garage in una palazzina popolare di viale D’Eramo a Bugnara. Episodio avvenuto questa notte intorno alle 4, come abbiamo raccontato poche ore fa (clicca qui). Un amore non corrisposto, il rifiuto, un’illusione che annebbia mente e offusca l’animo lasciando confondere amicizia con amore, non sopportando o non volendo accettare quella realtà di un fidanzamento inesistente, al punto da scatenare follie pericolose ai danni di quella che dovrebbe essere la donna amata. Sembrerebbe questo il motivo alla base del rogo che ha incenerito l’auto della trentenne bugnarese, la quale al momento del fatto si trovava nella sua casa ai piani superiori con la sua famiglia.   L’incendio sarebbe stato appiccato con liquido infiammabile gettato sul mezzo dopo aver spaccato la saracinesca del garage sul retro della palazzina popolare. I carabinieri hanno rinvenuto nella sua abitazione una tuta intrisa di materiale infiammabile e un accendino con cui avrebbe dato fuoco all’auto, come avrebbe confessato egli stesso, consegnandosi al maresciallo comandante della stazione di Bugnara.  Tanta la paura tra gli abitanti che hanno subito chiamato i Vigili del Fuoco che sono riusciti a domare le fiamme evitando il peggio per l’edificio.  Una storia che andrebbe avanti da sette anni. La sera prima i due si sarebbero incontrati e, secondo quanto avrebbe affermato la ragazza, avrebbero avuto una discussione dai toni pacati. Con lui che, a detta sua, era solamente un amico, lei sosteneva di voler troncare questo rapporto. Espletate le formalità di rito e dichiarato il quarantenne in stato di arresto per incendio doloso, il magistrato di turno ha disposto gli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

 

foto1foto3

foto2

foto7