“PULIAMO SULMONA”

“Puliamo Sulmona”, ne ha bisogno. Che la città sia sporca in ogni angolo, troppo per volersi presentare come meta turistica, è sotto gli occhi di tutti. Comincia a mettere mano al problema l’amministrazione comunale, chiamando a raccolta i volontari, partendo con la pulizia di alcune aree individuate  nell’ambito dell’evento chiamato “Puliamo il mondo”, firmato Legambiente, che ha interessato nel tempo molti paesi, reso nostro con la versione locale “Puliamo Sulmona”. I prossimi 27, 28 e 29 settembre le zone a ridosso dell’abbazia Celestiniana, del parco fluviale e del centro Storico saranno interessate da operazioni di pulizia.  “Sulmona è una bellissima cittadina e l’amministrazione comunale sta cercando, in tutti i modi, di renderla sempre più fruibile e accogliente” commenta in una nota il sindaco Peppino Ranalli, aggiungendo “ricordiamoci, però, che, nella maggior parte dei casi, tutto parte da noi e dall’ambiente che ci circonda, che va esplorato, protetto, potenziato e anche pulito. Per questo, invito la cittadinanza a partecipare alla prima edizione di Puliamo Sulmona”. “L’appuntamento con Puliamo Il Mondo e con Puliamo Sulmona rappresenta un’occasione per sensibilizzare i cittadini al mantenimento della pulizia sia della città sia dell’ambiente circostante. In un territorio che ambisce allo sviluppo in chiave turistica, gli interventi di valorizzazione del patrimonio storico culturale devono necessariamente essere accompagnati dalla consapevolezza dei luoghi e del contesto ambientale in cui si vive” questo è quanto afferma Anna Grazia Valdo con delega all’Ambiente. Tante le testimonianze fotografiche che in questi giorni sono arrivate nella nostra redazione da parte di cittadini: virtuali grida di malcontento per chi vive a Sulmona, tangibili orride pecche che rendono claudicante una bella signora. Basta andare in giro guardando a terra e si scoprono non solo carte, bottiglie, mozziconi di sigaretta, ma aloni di urine su antiche mura dei vicoli scambiati sistematicamente per bagni pubblici, come via dei Sangro, lasciando aleggiare per tutto il giorno i tipici cattivi odori, costringendo i residenti al fai da te per porre rimedio a una convivenza da discarica. E ancora non fanno onore i marciapiedi disastrati di via Togliatti, i rami dalle chiome fluenti come barba incolta in stile clochard, le  caditoie ostruite da spazzatura e degrado in via Cornacchiola, a cui basta un normale acquazzone per saltare in aria e allagare strade, invadendo case e locali al pian terreno. Un punto e una pezza ci vorrebbero, citando vecchi detti popolari. Ottima l’iniziativa della tre giorni per rimuovere degrado e immondizia, ma per tirare a lucido la città servirebbe altro che uno squadrone armato di scope, disinfettanti e tanta buona volontà che rimetta in sesto luoghi bellissimi che cadono a pezzi.

Tutti sono invitati ad essere dei protagonisti green, pronti a prendersi cura del Pianeta con azioni concrete a favore dell’ambiente e a partecipare inviando la propria adesione  all’indirizzo mail [email protected], collegandosi alla fan page di Facebook “Puliamo Sulmona” o recandosi in Comune presso la Segreteria IV Settore. Le adesioni entro e non oltre il 15 settembre. Puliamo Il Mondo è l’edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. Dal 1993, Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia ed è presente su tutto il territorio nazionale all’instacabile lavoro di oltre 1.000 gruppi di “volontari dell’ambiente”, che organizzano l’iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, aziende, comitati e amministrazioni cittadine.   

portici

piazza Capograssi

scale

scalinata che collega ponte Capograssi con via Circonvallazione orientale

scalette

via Federico II