TRASFERIMENTO UFFICI ASL, RANALLI “CHIODI DA CHE PARTE STA?”

Sul caso chiusura dell’ufficio acquisti della ASL a Sulmona e sul relativo trasferimento dei dipendenti Peppino Ranalli, candidato sindaco del centrosinistra, evidenzia la risoluzione urgente presentata dal vicepresidente del Consiglio regionale Giovanni D’Amico (Pd) e dal consigliere regionale  Giuseppe Di Pangrazio. Il Consiglio Regionale dovrà esprimersi con un voto, nell’ambito del potere di indirizzo di politiche sanitarie. “Dovrà dire si o no a questo trasferimento assurdo e che alimenta inefficienza e serve solo al Manager (esponente del PDL aquilano), di aumentare il suo potere di controllo su un ufficio strategico e potente” afferma con forza Ranalli “Poche chiacchiere: si vota si o no” ribadisce “E lì vedremo chi sono gli amici di Sulmona e chi no. Gianni Chiodi deve dire da che parte sta. Domani verrà a parlare a Sulmona a sostegno del PDL. Chiedo pubblicamente che prima di salire sul palco firmi la proposta di D’Amico e Di Pangrazio e dica apertamente da che parte sta. Altrimenti” conclude “che non venga proprio, se vuol fare un favore a Luigi La Civita: Sulmona non ne può proprio più delle parole, a cui non seguono i fatti”.