FRANCO PINGUE STA MEGLIO

Migliorano le condizioni di salute di Franco Pingue, 63enne sulmonese esponente di lunga data del Psi cittadino che ieri sera è stato colto da malore (clicca qui).   I medici avevano diagnosticato un’embolia, senza, fortunatamente, conseguenze per le funzioni motorie e intellettuali. Segnali positivi arrivano dall’ultimo esame dalla Tac a cui era stato sottoposto ieri sera. Tutti i dirigenti del partito cittadino questa mattina sono andati a trovarlo nell’ospedale di Avezzano, dove si trova ricoverato e dove resterà ancora per qualche giorno. “Lo abbiamo trovato di buon umore” ha detto Massimo Carugno, segretario regionale del partito socialista, raccontando di essersi precipitati tutti insieme con il cuore in gola non appena possibile. “Siamo stati contenti di averlo visto su di morale. Lo abbiamo salutato, abbiamo chiacchierato. Al momento sono in corso accertamenti medici”. Tanti i messaggi di incoraggiamento con scritto “Forza Franco” e auguri per una pronta guarigione sono stati “postati” sui social network non appena appresa la notizia ieri, mostrando così l’affetto e la vicinanza della sua città, dove Pingue è molto conosciuto e stimato. Con molta probabilità ad influire sul suo stato di salute: lo stress di questa anomala e strana campagna elettorale, colpita dalla tragedia del decesso del candidato sindaco Fulvio Di Benedetto, appoggiato proprio dalla lista dei socialisti con cui Pingue si è candidato ottenendo largo consenso (212 voti) nella prima manches. Avventura elettorale condita poi negli ultimissimi giorni dalle complesse vicende degli apparentamenti elettorali, caratterizzati da riunioni continue a cui Franco Pingue ha partecipato attivamente.