SCRUTATORI, PESCARE IN UNA “SHORT LIST”

Una diverso modo che si avvalga soprattutto del sorteggio tra i meno abbienti è quello che propongono, per la nomina degli scrutatori alle prossime elezione comunali di fine maggio,  i Consiglieri di opposizione Iannamorelli, Di Benedetto, Ranalli, Gatta, Maceroni e Manasseri, i quali hanno depositato ieri una mozione. Nell’atto si indica come procedura il sorteggio da effettuarsi nell’ambito di una “short list”, ricavata tra coloro che hanno presentato domanda, ma che sia composta da persone con un reddito Isee inferiore a 15 mila euro e che non siano vincolati da legame di parentela con amministratori e dipendenti comunali, entro il quarto grado. Introdotto anche il principio della rotazione, così che chi fa lo scrutatore una volta dovrà  lasciare spazio ad altri per i tre turni elettorali successivi.
“La mozione” spiegano i Consiglieri “pur non essendo vincolante, ha un notevole peso politico perchè adottata nell’ambito dei poteri generali di indirizzo del Consiglio Comunale, che -nel caso di nomine comunali- sono specificatamente individuati e sanciti dalla normatica”.