MANCATI INVITI AL TAGLIO DEL NASTRO DEL NUOVO OSPEDALE, DI MARZIO CI METTE UNA TOPPA

Condividi

Non tutto ha funzionato nel cerimoniale dell’inaugurazione del nuovo ospedale e il presidente del Consiglio comunale, Katia Di Marzio, ha provveduto a mettere una toppa al “buco” dei mancati inviti, tra i quali spiccano ex sindaci ed ex assessori e fino al giorno prima dell’evento perfino alcuni consiglieri comunali in carica. A questo punto Di Marzio ha presentato “scuse d’obbligo” pur precisando di non aver curato il cerimoniale”. Ma “quando l’emozione prende la mano”. ha sottolineato, accade anche che si possa “trascurare il garbo istituzionale”. “La comprensibile trepidazione di un momento tanto atteso, quale la consegna del nuovo ospedale di Sulmona, ha impedito alle istituzioni presenti, di invitare formalmente ed estendere i dovuti ringraziamenti a tutti coloro che hanno effettivamente reso possibile un risultato così importante” continua iil presidente del Consiglio comunale. “Il taglio del nastro ha il volto di pochi, ma i protagonisti del lungo e travagliato percorso che ha portato al traguardo sono molti di più” ricorda Di Marzio. “Mi sento in dovere, quindi, per il ruolo di presidente del Consiglio che mi onoro di rivestire, di indirizzare a ciascuno di loro, ex sindaci, assessori, dipendenti del nostro Comune, ex direttori generali della Asl, indipendentemente dalle rispettive provenienze politiche, i miei più vivi ringraziamenti per l’intuito avuto e per il lavoro che hanno saputo svolgere – conclude – auspico che la coralità dell’azione di territorio, più che le appartenenze e i protagonismi, possa guidare anche la fase di implementazione e gestione della struttura, affinché sia garantita l’ottimale e più virtuosa utilizzazione dell’opera”. Anche il sindaco Annamaria Casini, chiamata in causa nei giorni scorsi dall’ex sindaco Fabio Federico, ha tenuto a precisare che gli inviti sono stati curati dall’Asl.

Condividi