ECCO IL NUOVO OSPEDALE DI SULMONA, CONSEGNATE LE CHIAVI ALL’ASL (video)

Condividi

Cerimonia questa mattina di riconsegna delle chiavi del nuovo ospedale di Sulmona, perché l’inaugurazione vera e propria si svolgerà tra circa tre mesi quando tutti i reparti e servizi verranno trasferiti dal vecchio al nuovo edificio. I lavori per la realizzazione del nuovo ospedale sono durati due anni, per un costo di venti milioni di euro, soldi erogati da finanziatori privati. L’ospedale infatti è stato realizzato tramite un partenariato pubblico privato con la formula della locazione finanziaria che agisce come un leasing ordinario: la struttura viene realizzata da un soggetto esecutore (un gruppo di imprese) associato a soggetti finanziatori privati che congiuntamente, si accollano i rischi di costruzione e di disponibilità da cui scaturisce l’obbligo di curare la manutenzione dell’opera. Con l’attivazione della struttura il privato finanziatore ne diventa proprietario per un periodo di venti anni e l’Asl, pagando un canone annuo di locazione di circa un milione e 800mila euro, ne acquisisce la proprietà al versamento di tutte le rate, anche se il contratto prevede il riscatto anticipato dell’immobile a partire dal secondo anno. La struttura è stata realizzata dal gruppo d’imprese Edilfrair L’Aquila e Inso spa di Firenze. I finanziatori sono Iccrea BancaImpresa e Sarda leasing. La nuova struttura si estende su uan superficie di diecimila metri quadrati con un seminterrato e tre piani e ospiterà 126 posti letto dei 160 totali in dotazione all’ospedale di Sulmona. Le stanze di degenza sono composte da due posti letto e dispongono di apparecchio tv e altri accessori per rendere più confortevole la degenza. Nell’occasione la Asl ha investito quasi tre milioni di euro per dotare l’ospedale di macchinari di ultima generazione tra i quali spiccano la Tac a 64 strati (350mila euro), un telecomando digitale di radiologia per il pronto soccorso, per pazienti politraumatizzati, un moderno apparecchio di radiologia ed un sistema di monitoraggio con attrezzature moderne per l’Utic. Inoltre è stata avviato l’iter amministrativo per l’acquisto della risonanza magnetica nucleare (800mila euro) che sarà disponibile per la metà del 2019.

Condividi