ANCHE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN STAZIONI ECOLOGICHE COGESA

Condividi

Le sei stazioni ecologiche gestite da Cogesa diventano centri di raccolta autorizzati per Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche e elettroniche). Gli elettrodomestici, grandi e piccoli, potranno essere portati nei centri di raccolta di Raiano, Capestrano, San Demetrio ne’ Vestini, Castelvecchio Subequo, Castel di Sangro, Sulmona per essere avviati a riciclo. In prima battuta, bisogna ricordare che ogni volta che si compra un’apparecchiatura i rivenditori sono tenuti a ritirare il vecchio. Dall’estate scorsa è diventato più facile e gratuito: il 22 luglio, infatti, è entrato in vigore il decreto “uno contro zero”. Il provvedimento del ministero dell’Ambiente consente ai cittadini di avviare al corretto riciclo i rifiuti di dimensione inferiore ai 25 centimetri arrivati a fine vita senza sborsare nulla. In sostanza telefonini, rasoi e spazzolini da denti elettrici, macchinine elettriche giocattolo, tablet, lettori Mp3, calcolatrici tascabili, lampadine, sveglie, mouse, caricabatterie, termometri digitali, orologi da polso o da tasca e micro computer per attività sportive si possono consegnare presso qualunque rivenditore di apparecchiature elettroniche con superficie di almeno 400 metri quadri senza essere costretti ad acquistare un nuovo prodotto equivalente. La disciplina relativa ai Raee si applica a tutti gli elettrodomestici, piccoli e grandi, presenti nelle abitazioni e implica l’obbligo, per i commercianti di Aee (distributori), di ritirare gratuitamente i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) dai consumatori che, presso di loro, comprano un’apparecchiatura nuova (Aee). Ne consegue che il negozio di elettrodomestici, nel momento in cui vende un prodotto deve ritirare il vecchio che si trova nell’abitazione del cliente, purché il “vecchio” sia di tipo equivalente al “nuovo” e abbia svolto le stesse funzioni della nuova apparecchiatura, che dev’essere destinata a un nucleo domestico. Nel caso in cui si trattasse di apparecchiature troppo grandi e che non vengono sostituite da un nuovo acquisto Cogesa manterrà comunque un servizio di raccolta domiciliare gratuito ogni mese e mezzo per ognuno dei 63 Comuni serviti.“E’ un servizio che chiama in causa più attori nel processo del riciclo, i cittadini in primis, i rivenditori e le società di gestione rifiuti – fa notare l’amministratore unico di Cogesa SpA, Vincenzo Margiotta – dunque si va a chiudere il circolo virtuoso del riciclo grazie ad una collaborazione a tutti i livelli, che è poi alla base della nostra mission aziendale”.
Dal primo gennaio 2019 dovrà salire dal 45 al 65% il tasso di raccolta dei Raee. Per questo sono state avviate nei mesi scorsi eco-lezioni e eco-incontri per attivare una campagna di sensibilizzazione sulla conoscenza, la cultura del riuso e i comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici. Questi gli orari di apertura delle stazioni ecologiche al pubblico:
– 1. Raiano (via del Portone, località Il Pozzo): Lunedi, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12 e SABATO dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

– 2. Capestrano (località Tiro a segno): martedi e giovedì dalle 9 alle 12 e sabato dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

– 3. San Demetrio ne’ Vestini (località Aspretta): lunedi e mercoledì dalle 9 alle 12 e sabato dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

– 4. Castelvecchio Subequo (località Campo Famele): martedi e giovedi dalle 9 alle 12 e sabato dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

– 5. Castel di Sangro (Strada comunale dello Speno): dal lunedi al venerdi dalle 9:30 alle 12:30 e sabato dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 16:30; domenica dalle 14 alle 17 (dal 4 marzo al 2 dicembre 2018).

– 6. Sulmona (via Vicenne, località Noce Mattei): tutti i giorni dalle 10 alle 17.

Condividi