DIFFAMAZIONE AL SINDACO DI ROCCARASO, SOTTO PROCESSO L’EX GOVERNATORE DEL LAZIO STORACE

Condividi

Avrebbero diffamato il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato e alcuni consiglieri comunali, oltre ai gestori degli impianti di risalita. Per diffamazione a mezzo stampa sono stati rinviati a giudizio l’ex vice sindaco di Roccaraso, Alessandro Amicone, quale fonte diretta delle notizie, il giornalista Federico Colosimo, autore degli articoli e Francesco Storace, ex governatore del Lazio, all’epoca dei fatti direttore responsabile del Giornale d’Italia. Tutti in concorso tra loro e in esecuzione di uno stesso disegno criminoso, secondo la Procura della Repubblica di Sulmona, avrebbero leso l’onore ed il prestigio dell’imprenditore Mauro Del Castello, amministratore della società Sifatt, Luca Colecchi e Felice Colecchi, rappresentanti della Pizzalto spa, oltre che il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato anche i consiglieri comunali Patrizia Olivieri e Domenico Cordisco. Ad Amicone è stato anche contestato il reato di calunnia. I fatti fanno riferimento ai Mondiali Juniores di sci alpino che si sono svolti a Roccaraso nel gennaio 2012. In alcuni articoli pubblicati sul quotidiano Il Giornale d’Italia, nel 12 e 13 novembre 2013, si lanciavano pesanti accuse sulla gestione dei dodici milioni di euro a disposizione del Comune per l’organizzazione dei campionati. Negli articoli si parla di “opere discutibili” realizzate per l’occasione che “adesso sarebbero occupate senza alcun titolo da due società amiche che gestiscono gli impianti. Un atteggiamento troppo accondiscendente da parte dell’amministrazione comunale in favore di due società, la Sifatt srl e la Pizzalto spa” e ancora “milioni di soldi sperperati che sembrerebbero finiti nelle tasche di non si sa chi. Una quantità incredibile di denaro letteralmente buttata al vento già dall’inizio dei lavori. E più precisamente grazie alla costruzione di un tunnel nel novembre 2011, un’opera discutibile, il tutto a quanto pare senza una gara d’appalto di natura pubblica che puntasse a stabilire, così come previsto, quale azienda dovesse aggiudicarsi la disputa dei lavori”.  L’udienza dibattimentale è stata fissata al prossimo 12 febbraio 2019. Il Comune di Roccaraso, rappresentato dall’avvocato Gianluca Museo del Foro dell’Aquila, si è costituito parte civile nel procedimento.

Condividi