I VICINI LA MOLESTANO, 52ENNE SULMONESE METTE I MOBILI FUORI DI CASA

Condividi

Ha messo fuori le proprie cose di casa, pochi arredi e suppellettili, per denunciare l’impossibile convivenza con i suoi vicini di casa e chiedere un nuovo alloggio, dove abitare in tutta tranquillità. La protesta è stata messa in atto oggi pomeriggio, da una cinquantaduenne sulmonese, inquilina degli alloggi Ater in via XXV Aprile. “Due settimane fa sono stata aggredita e picchiata da una ragazza mia vicina di casa, senza motivo – racconta la donna – perfino una ragazzina di quattordici anni mi ha insultato e addirittura una donna mi ha picchiato usando un matterello, non ne posso più”. Per quelle botte la donna è stata al pronto soccorso, con cinque giorni di prognosi. L’inquilina degli alloggi di via XXV Aprile ha sporto denuncia alla Polizia e poi si è recata subito in Comune per chiedere una soluzione al suo caso. “Ho parlato con l’assessore al sociale, Annarita Di Loreto, le ho esposto la mia situazione e ho chiesto che Comune e Ater intervengano perché non posso continuare a vivere tra offese, minacce e botte” sottolinea la cinquantaduenne. Per questo ha messo fuori, nel cortile del condominio Ater, i suoi mobili per manifestare a chiare lettere che in casa, accanto a vicini molesti, non si vive più.

Condividi