CGIL: ISTITUIRE IN GIUNTA DELEGA PER PREVENZIONE RISCHIO SISMICO E SOSTENERE RILANCIO DELL’EDILIZIA

Condividi

“Casa Italia? E’ solo un’operazione-spot, la città ed il territorio per una vera politica di prevenzione del rischio sismico e rilancio dell’edilizia, traino dell’economia locale, avrebbero bisogno di altro”. Le proteste sulla cancellazione del dipartimento di Casa Italia non sembrano appassionare Emanuele Verrocchi, segretario provinciale della Fillea, gli edili Cgil. Invece Verrocchi propone all’amministrazione comunale l’istituzione di un’apposita delega sulla prevenzione e mitigazione del rischio sismico, attraverso la quale lavorare anche per la ripresa delle attività del comparto edile e del suo indotto. “Diciamolo con tutta franchezza, Casa Italia e i suoi fondi andrebbero a finanziare la ristrutturazione e messa in sicurezza di un solo edificio pubblico, penso palazzo S.Francesco, ed è cosa buona, per carità ma non muove altro – spiega Verrocchi – invece il sindacato in campagna elettorale, quando venne eletta Annamaria Casini, lanciò a tutti i candidati sindaci un appello per avviare una seria politica di prevenzione sismica che servisse anche da volano alla ripresa economica del territorio”. Secondo l’esponente sindacale invece “la superficialità con la quale i candidati sindaci accolsero l’appello e che caratterizzò l’argomento in campagna elettorale si è prolungata in seguito e resta purtroppo intatta”. “Oggi notiamo che sull’argomento e sulle potenzialità enormi della prevenzione sismica non c’è la giusta attenzione da parte dell’amministrazione comunale – conclude Verrocchi – in questo modo si perde una grande occasione di rilancio non dell’edilizia soltanto ma di tutta l’economia cittadina. Per questo attendiamo un segnale positivo e un’attenzione fattiva da parte degli amministratori comunali”

Condividi