SOLIDARIETA’ DEL MINISTRO BONAFEDE ALL’AGENTE AGGREDITO: CHI FA IL SUO DOVERE NON PUO’ CORRERE CONTINUI RISCHI

Condividi

Solidarietà e vicinanza al poliziotto penitenziario chietino aggredito questa mattina nel penitenziario di via Lamaccio dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Sul suo profilo social, sia su Facebook che instagram, il ministro ha scritto di aver sentito l’agente della polizia penitenziaria aggredito a Sulmona da un detenuto che gli ha versato addosso dell’olio bollente. “Gli ho augurato una pronta guarigione – ha continuato il ministro – quanto accaduto non è accettabile, perché chi fa semplicemente il suo dovere non può essere sottoposto a tanti e continui rischi per la propria incolumità. Da qui partiremo con i nuovi vertici del Dap: la sicurezza dei nostri ragazzi viene prima di tutto”.

Condividi