TENSIONI NELLA MAGGIORANZA SU BILANCIO E OPERE PUBBLICHE

Condividi

La seduta della commissione Bilancio potrebbe funzionare da vero termometro della crisi che riaffiora in queste ore nella maggioranza. Infatti le prime ripercussioni del clima teso che si vive in queste ore dentro le stanze di palazzo S.Francesco potrebbero manifestarsi lunedi mattina in commissione. Le prime avvisaglie delle tensioni che potrebbero esplodere in commissione sono venute questa mattina dal vertice convocato a palazzo S.Francesco per discutere di bilancio e opere pubbliche che alcuni consiglieri e assessori hanno preferito disertare, come Mauro Tirabassi, Andrea Ramunno e Angelo Amori. Per di più il summit sarebbe stato segnato da profonde divergenze. In sostanza non si sarebbe ancora trovata la quadra sul bilancio proposto dall’assessore Stefano Mariani, con l’impegno peraltro ad un emendamento per aumentare le somme su cultura e protezione civile. Mentre sulle opere pubbliche, competenza dell’assessore Nicola Angelucci, vedute diverse sarebbero emerse sul progetto di plesso unico scolastico in via XXV Aprile. Un progetto invero datato, risalente all’epoca della giunta Federico, sul quale non mancherebbero riserve. Ma sullo sfondo di questo scenario ad agitare le acque resta la vicenda legata all’esposto presentato dal comandante di Polizia Locale, Antonio Litigante. Nessuno dei consiglieri comunali citati nell’esposto per ora intende reagire. Si preferisce un prudente riserbo. Ma è scontato che tanto nella maggioranza quanto tra le fila dell’opposizione i malumori sono tanti per questa “coda” imprevista della seduta consiliare del 20 marzo scorso. Una seduta dalla quale la maggioranza uscì divisa sul caso del comandante Litigante e quelle divisioni ora rischiano di approfondirsi.

Condividi