BORGO TOMBA E RIONE BADIA DI VALFABBRICA GEMELLI

Condividi

L’amicizia tra il Borgo di S.Maria della Tomba e il Rione Badia di Valfabbrica è diventata gemellaggio oggi pomeriggio, con la firma di un protocollo d’intesa tra il capitano di S.Maria della Tomba, Angelo La Civita e il caporione di Valfabbrica, Benedetto Vagni. Valfabbrica è un piccolo centro della provincia di Perugia e sorge tra Assisi e Gubbio, lungo la via francescana, quella che S.Francesco d’Assisi percorse raggiungendo Gubbio, dove avvenne l’episodio del lupo. “L’amicizia è nata quattro anni fa e si è consolidata in questo periodo con scambio di visite ed altre occasioni, sempre in momenti di tornei cavallereschi – ha spiegato La Civita – adesso abbiamo pensato ad un gemellaggio, che rafforzi la nostra amicizia e porti anche a scambi culturali ed anche ad un indotto turistico per Sulmona e per Valfabbrica”. “Sono veramente contento di questo gemellaggio e della nostra amicizia fraterna – ha risposto Vagni – spero anche che questa amicizia accomuni non solo il nostro rione al borgo di S.Maria della Tomba ma anche le città di Sulmona e Valfabbrica”. Infine il presidente della Giostra Cavalleresca, Maurizio Antonini, si è detto assai entusiasta di questo gemellaggio “che significa non solo amicizia ma profonda affinità tra due realtà che si richiamano a medesimi valori”. Il “Palio di Valfabbrica” ha antiche radici, risalenti al 110o ed è legato alla Festa del Crocifisso per il fatto che quest’ultima cadeva nel mese di settembre. Nel 1975, grazie all’iniziativa di alcuni cittadini, cominciarono ricerche storiche e vennero utilizzati pochi costumi: infatti inizialmente consisteva in un unico corteo storico e solo col passare degli anni sono stati riconosciuti i tre attuali Rioni, Badia, Osteria e Pedicino, corrispondenti a tre precise zone storiche del paese: il Rione Badia che rappresenta la zona dell’abbazia e del monastero benedettino; il Rione Pedicino che rappresenta la zona del castello; il Rione Osteria che rappresenta la zona rurale per la sosta dei viandanti. Al termine di giochi, come la Corsa agli Anelli e il gioco del Saracino, i rioni che raccolgono maggior numero di punti danno vita ad un’appassionante sfida finale per aggiudicarsi l’ambito palio.

Condividi