CONCERTO DEI VINCITORI DEL CANIGLIA, MASCI: INTITOLARE L’AUDITORIUM DELL’ANNUNZIATA A FILIPPO TELLA

L’intitolazione dell’auditorium dell’Annunziata al direttore artistico della Camerata Musicale Sulmonese, Filippo Tella, è stata proposta stasera da Vittorio Masci, presidente dell’associazione Caniglia, in occasione del concerto dei vincitori del concorso internazionale Caniglia 2017 al Teatro comunale. Il concerto infatti è stato dedicato al ricordo del direttore artistico della Camerata Musicale, istituzione culturale che vide lo stesso Tella tra i fondatori, scomparso cinque anni fa. In un intervallo del concerto Masci ha ricordato in breve Filippo Tella. “E’ stato un vulcano di idee e per suo merito nella nostra città sono passati i più famosi e affermati artisti italiani e internazionali in campo musicale – ha sottolineato Masci – fu anche un innovatore ed un promotore culturale instancabile”. “Con mio padre Vincenzo fu tra i fondatori della Camerata Musicale – ha proseguito Masci – Filippo Tella volle con il tempo introdurre importanti novità anche nel cartellone dei concerti della Camerata, perché fosse adeguato ai gusti musicali più diversi, soprattutto quelli dei più giovani”. Lo stesso Tella ebbe la felice intuizione dell’importanza di un concorso internazionale di canto lirico che organizzò coinvolgendo personaggi di primo piano della lirica, come Gianni Raimondi e Magda Olivero. “Fu proprio Tella, a conclusione di uno spettacolo svoltosi a Lucca, ad incontrare questi personaggi proponendo loro l’idea del concorso lirico che venne realizzato in occasione del cinquantesimo anniversario della costruzione del teatro comunale, intitolato poi alla stessa Maria Caniglia, cantante originaria di Rivisondoli” ha raccontato il presidente dell’associazione Caniglia, concludendo con un altro ricordo. “Tella stesso propose all’amministrazione comunale ed ottenne che un’ala del complesso dell’Annunziata, antico ospedale di Sulmona, venisse destinata ad auditorium” ha precisato, lanciando la proposta dell’intitolazione dell’auditorium. Una breve testimonianza sulla figura di Tella hanno dato anche le nipoti Lorenza e Letizia. “Nonno, con la sua passione per la musica e con l’amore alla città ci ha educato all’emozione e alla bellezza” ha detto Lorenza. Mentre Letizia ha ricordato il nonno per il suo talento di organizzatore, appassionato e innamorato della Camerata Musicale, istituzione che da oltre sessanta anni è patrimonio inestimabile e vanto della città di Sulmona. Il concerto, presentato dalla sulmonese Maria Lucia Monticelli, giornalista Rai, ha visto protagonisti il soprano Giulia De Blasis e i tenori Maurizio Pace e Fabio Andreotti. Un concerto avvincente per le arie d’opera presentate dai cantanti accompagnati dalla Giovane Orchestra d’Abruzzo, diretta da Dario Lucantoni.