L’OCCHIO DEL PERIODICO ARTIS SU SCUOLA E TERRITORIO

Condividi

Un giornalino sulle attività didattiche e sulle esperienze degli studenti del Liceo Artistico “Mazara”, con uno sguardo sulla città e sul territorio. E’ questo “Artis” il periodico che quest’anno si ripropone in una nuova veste grafica e con contenuti di sostanza è stato presentato oggi pomeriggio dagli studenti che ne sono stati redattori. Un momento importante, quello vissuto nel Gran Caffè Letterario, per conoscere da vicino gli artefici del periodico che ha già meritato successo nel Concorso nazionale “Il miglior giornalino scolastico”. In sedici pagine il periodico dell’ex Istituto d’Arte presenta le attività legate a design, arti figurative, architettura e ambiente ma anche spunti di riflessione e proposte che dal mondo della scuola vengono verso la società cittadina e territoriale. Come interessanti appaiono, per la loro carica innovativa, i progetti proposti per una riqualificazione urbana dell’area sud della città, dall’arco di Porta Napoli fino a via Montesanto. Come pure incuriosisce il progetto di valorizzazione di Prezza. E poi ulteriore occasione per una riflessione sociale viene offerta sull’anoressia, malattia di cui sempre più adolescenti sono afflitti e sull’assenza attuale in città di una biblioteca, in senso pieno, come luogo privilegiato di lettura, di studio e di approfondimento culturale. Carenza macroscopica per una città di notevoli tradizioni culturali come Sulmona. Accanto alla dirigente del Polo liceale Ovidio, Caterina Fantauzzi, a coordinare la presentazione del periodico è stata Luisa Taglieri, presidente del comitato Metamorphosis Beyond the shape, che ha condiviso con i liceali del Mazara un’importante esperienza quella della mostra itinerante organizzata per il Bimillenario Ovidiano, nella quale sono state esposte anche opere realizzate dagli studenti del Liceo Artistico, che hanno messo a frutto la loro inventiva e il loro talento, dimostrando già doti promettenti.

Condividi