PEZZOPANE, SITUAZIONE CRITICA MA FAREMO DI TUTTO PER TUTELARE I LAVORATORI DEI CALL CENTER

Condividi

“Esprimo la massima  solidarietà ai lavoratori che devono poter contare su istituzioni vicine ai loro problemi ed attente alla grave crisi che questa azienda sta attraversando.
Sono a fianco della amministrazione comunale ed ho dato la mia disponibilità al Sindaco ed all’assessore Paolo Santarelli per ogni necessaria iniziativa nei confronti del Parlamento e del Governo”. La senatrice Stefania Pezzopane interviene sulla vertenza dell call center della 3G, evidenziando la delicatezza del momento. “Con la Regione Abruzzo stiamo seguendo insieme diverse situazioni critiche riguardanti call e contact center in Provincia dell’Aquila. Il ministero del Lavoro che ho opportunamente sentito, segue con attenzione la vicenda e la Regione supporterà in ogni modo la situazione e le eventuali decisioni del tavolo con le organizzazioni sindacali. Gli esuberi annunciati, ben 248, ricadono per 91 posti di lavoro su Sulmona che non può certo permettersi un così grave contraccolpo occupazionale. Senza contare i licenziamenti già effettuati e non ancora riassorbiti dal sistema”. Secondo la senatrice vanno chiarite dalla azienda le reali volontà e se necessario bisogna coinvolgere anche il Mise per ogni utile supporto. “Siamo di fronte ad un settore con enormi potenzialità ma sottoposto a mutamenti giganteschi ed a movimenti di commesse particolarmente rapidi e su mercati globali”, prosegue la senatrice.
“Un settore dove siamo intervenuti in Parlamento con ottime riforme proprio per garantire l’occupazione stabile:la clausola sociale specifica per i call center e lo  scorporo del costo del lavoro dai ribassi d’asta nelle gare sono solo due esempi importanti. Ma in questa vicenda il problema è più interno alla organizzazione del lavoro e delle commesse. In questi giorni – conclude la senatrice aquilana – è stata incardinata in commissione Industria del Senato un disegno di legge finalizzato a definire norme organiche per questo settore che in Italia occupa 80000 persone e che ha bisogno di essere reso più competitivo e con grande qualità. Sono quindi pronta ad ogni iniziativa in parlamentare e nei confronti del governo, lavorando di concerto con Regione,Comune e organizzazioni sindacali”.

Condividi