DON THE FULLER PORTA I SUOI ARTIGIANI AL WHITE DI MILANO

La realizzazione del jeans in dieci quadri e un live laboratorio per mostrare come si confeziona un jeans: sono le principali novità che Don The Fuller presenterà, insieme ai nuovi modelli della collezione PE 18, al White di Milano che si apre domani, fino a lunedi, in via Tortona. Negli spazi del White, in un’ area speciale, verrá allestito un percorso in cui il visitatore avrá modo di vedere, approfondire e meglio capire il lavoro manuale di artigiani italiani che formano il processo produttivo del jeans. Dopo il successo del museo del jeans presentato nella scorsa edizione, in cui è stata ripercorsa la storia del denim, dall’inizio dell’Ottocento ai giorni nostri, attraverso l’esposizione dei capi che hanno segnato la moda e lo stile jeans, arriva un’altra grande novità. Si chiama “denim backstage” il progetto che si svilupperà su una location speciale su due piani, composta da due sale, a piano terra, dove ci sará uno spazio in cui verranno riportate su enormi quadri, come in una mostra, tutte le fasi di lavorazione del jeans ,dal tessuto al negozio. In un’altra sala saranno allestite le piú significative stazioni di lavorazione dove si potranno apprezzare artigiani all’opera. Al secondo piano invece sará possibile visionare la collezione PE18 di Don the fuller jeans. Testimonial dell’evento sarà Fabio Giamello, presente negli spazi Don The Fuller, nei giorni del White. Un modello, appena ventenne ma già di grande successo, con i suoi 150mila followers su Instagram. E’ lui il modello ufficiale di Milano Fashion Week. La giornata di domani, sabato 17 giugno, sarà caratterizzata anche dall’evento speciale “Cocktail Museum” nell’area Don The Fuller, a partire dalle ore 16.