UNA LEZIONE SULL’ESTETICA CROCIANA, IL FILOSOFO DE GIOVANNI AL CONVEGNO DELLE GIURIE POPOLARI DEL PREMIO CROCE

Una lezione sull’estetica crociana, la riflessione sul pensiero del filosofo Benedetto Croce tenuta questa mattina, al Teatro comunale Caniglia, dal professore Biagio De Giovanni, filosofo e studioso del pensiero crociano. E’ stato un appuntamento culturale di grande rilevanza nell’ambito del Premio Croce. All’intervento del filosofo De Giovanni è seguito quello del direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori.  L’importante convegno si è svolto in occasione della conclusione del lavoro delle giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura “Benedetto Croce”in programma a Pescasseroli nelle giornate del 4 e 5 agosto prossimi. Decine di studenti, provenienti da tutto l’Abruzzo, hanno affollato questa mattina la platea del Teatro, per prendere parte all’assemblea conclusiva del lavoro delle Giurie Popolari del Premio Nazionale. Giuria e Comitato Organizzatore hanno scelto la città ovidiana, in omaggio alle celebrazioni del Bimillenario di Ovidio. L’iniziativa inoltre ha inaugurato il programma di eventi promossi dalla Dmc “Terre d’Amore” nell’ambito dell’Open Day Summer Abruzzo 2017. In apertura dell’incontro è stata ricordata Fabrizia Di Lorenzo, la giovane sulmonese che nel dicembre scorso è rimasta vittima del tragico attentato di Berlino. All’incontro hanno portato il loro saluto i sindaci di Sulmona e Pescasseroli, Anna Maria Casini ed Anna Nanni, Luisa Taglieri, presidente di Beyond the Shape e per il comitato celebrazioni ovidiane il coordinatore Raffaele Giannantonio. Uno studente per ciascuna delle quindici scuole scelte a far parte della giuria ed un rappresentante delle altre tre Giurie popolari, hanno emesso il loro verdetto sui libri valutati, appartenenti alle tre sezioni del Premio (narrativa, saggistica e letteratura giornalistica).